SPID: pubblicata la convenzione per l’adesione di soggetti aggregatori di pubblici servizi

Data:

Online la documentazione per l’adesione di realtà pubbliche e private alla qualifica di soggetti aggregatori di servizi pubblici al Sistema Pubblico di Identità Digitale

Disponibile sul sito AgID la determina relativa allo Schema di convezione per l’adesione di realtà pubbliche e private alla qualifica di soggetti aggregatori di pubblici servizi al Sistema Pubblico per la gestione dell’Identità Digitale di cittadini e imprese (SPID).

Con questo provvedimento, realtà pubbliche o private possono qualificarsi come soggetti aggregatori presso AgID e quindi offrire alle amministrazioni la possibilità di rendere accessibili i propri servizi pubblici con SPID senza diventare direttamente prestatori di servizi. Tale possibilità facilita in particolare le piccole realtà pubbliche, che potranno accordarsi direttamente con i Soggetti aggregatori i quali si occuperanno, per loro conto, di ottemperare agli obblighi e ai requisiti tecnici necessari ad abilitare l’accesso ai servizi con SPID.

È pubblicata, sempre sul sito di AgID, anche la determina che avvia il riuso delle identità pregresse. Il processo di recupero delle identità digitali avviene secondo due modalità. La prima consiste in una procedura assistita di migrazione dall’identità digitale in possesso verso SPID, in cui è la stessa amministrazione a invitare gli utenti a richiedere l’identità SPID presso un identity provider accreditato (IDP). Con la seconda modalità invece, il cittadino già in possesso di credenziali precedenti potrà usare le stesse per autenticarsi presso il soggetto che le ha rilasciate e ottenere così SPID da uno degli IDP.

Approfondimenti