Regole tecniche relative alla gestione delle fatture europee

Data:

Online l'aggiornamento (versione 2.0) in vigore dal 1° luglio 2021

L’Agenzia delle entrate, nel ruolo di gestore del Sistema di Interscambio, ha pubblicato l’aggiornamento (versione 2.0) delle “Regole tecniche relative alla gestione delle fatture di cui all’art. 3, comma 1, d.lgs. 148/2018” conformi allo standard europeo nell’ambito degli appalti pubblici, in vigore dal prossimo 1° luglio 2021.

 

“Il D.lgs n.48/2018 ha recepito la Direttiva europea 55/2014 che consente ai fornitori della Pubblica Amministrazione di utilizzare un formato di fatturazione definito a livello europeo dalla norma tecnica EN 16931 e basato sugli standard UBL (OASIS Unified Business Language) o CII (UN/CEFACT Cross-industry invoice).

Il decreto prevede che tutte le amministrazioni aggiudicatrici ed enti aggiudicatori accettino ed elaborino fatture elettroniche conformi allo standard europeo sulla fatturazione elettronica nell’ambito dei contratti pubblici a partire dal 18 aprile 2020”

 

Il decreto recepisce le regole tecniche dello standard europeo EN16931, previste dalla decisione di esecuzione (UE) 2017/1870 della Commissione, e le integra con la disciplina tecnica nazionale.

 

Il Sistema di Interscambio supporta il formato europeo e fornisce un servizio di traduzione che consente alle stazioni appaltanti (ed enti aggiudicatori) di ricevere le fatture europee insieme alla loro traduzione nel formato nazionale FatturaPA, attraverso i canali di trasmissione già in uso, in modo totalmente trasparente.

 

L’aggiornamento delle suddette Regole tecniche introduce gli elementi per gestire secondo lo standard europeo alcune informazioni specifiche del contesto fiscale italiano come: split-payment, imposta di bollo, ritenuta d’acconto, cassa previdenziale.

 

Le nuove Regole tecniche sono il frutto del lavoro del gruppo di lavoro partecipato da Agenzia delle entrate, MEF Dipartimento Finance e AgID con la collaborazione di UNINFO che grazie alla Commissione tecnica UNI 522 “eBusiness e servizi finanziari” ha raccolto i contributi di operatori pubblici e di mercato.