SPID: nuova modalità di attivazione con video e senza operatore

Data:

Più semplice e veloce, la nuova modalità di rilascio dell’identità digitale consente il riconoscimento on-line  senza la presenza contestuale di un operatore

ll Sistema Pubblico di Identità Digitale, che conta oltre 11,3 milioni di utenti, continua ad evolversi e ad essere protagonista della trasformazione digitale del Paese.

 

I cittadini hanno ora a disposizione una nuova modalità per attivare SPID, semplice, veloce e sicura. Potranno farlo comodamente da casa, con il solo utilizzo di un dispositivo connesso a internet e senza l’aiuto di un operatore.

 

Questi sono i pochi passaggi che l’utente dovrà seguire:

- registrarsi sul sito di uno dei 9 identity provider abilitati al rilascio di SPID che ha attiva la nuova modalità; 

- realizzare un video in cui mostra il proprio documento di identità  italiano (carta d’identità, carta d’identità elettronica, patente o passaporto) e la tessera sanitaria o, in alternativa, il tesserino del codice fiscale. Come misura a tutela del furto di identità, durante il video l’utente dovrà leggere un codice ricevuto via sms o tramite una delle app degli identity provider installata sul proprio cellulare;

- effettuare un bonifico da un conto corrente italiano a lui intestato o cointestato, indicando nella causale un codice specifico che avrà ricevuto dall’identity provider. 

 

L’utilizzo del bonifico è un ulteriore strumento di verifica dell’identità: alcuni gestori hanno già scelto di chiedere una somma simbolica da devolvere poi in beneficenza, altri potranno decidere di adottare scelte commerciali.

 

Una volta compiuti i tre passaggi, le informazioni saranno verificate nel giro di pochi giorni dall'operatore che rilascerà l'identità digitale.

 

Tra le misure a garanzia della sicurezza e della tutela della privacy, e concordate con il Garante per la protezione dei dati personali, sono previsti controlli a campione sulle richieste con doppia verifica da parte degli operatori e il monitoraggio costante delle richieste respinte per criticità legate a tentativi fraudolenti.

 

La nuova modalità, adottata da AgID con determina 426/2020, contribuisce a ridurre i tempi di attesa per il riconoscimento online in un periodo in cui gli identity provider stanno registrando un picco di richieste. Tale opzione si aggiunge alle altre modalità già previste: di persona presso gli uffici degli identity provider; via webcam con l’intervento di un operatore; con Carta d’identità elettronica (CIE) o passaporto elettronico; con CIE, Carta nazionale dei servizi o firma digitale e l’ausilio di un lettore di smart card da collegare al computer.

 

Approfondimenti

 

La determina 426/2020

Il parere del Garante Privacy

Modalità per richiedere SPID