Identità digitale: dal 1° ottobre INPS passa a SPID

Data:

L'Istituto non rilascerà più PIN come credenziale di accesso ai servizi: il PIN sarà sostituito da SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale che permette di accedere ai servizi online della Pubblica Amministrazione

Si è svolta oggi a Roma, presso Palazzo Wedekind, la conferenza stampa “Il Welfare con una nuova identità unica e digitale”, organizzata da INPS cui hanno preso parte Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Ministra per l’Innovazione Tecnologica e la Digitalizzazione e Agenzia per l’Italia Digitale. Al centro della giornata il tema dell'identità digitale SPID e del suo ruolo sempre più protagonista nella trasformazione digitale del Paese. 

 

L’apertura dei lavori è stata affidata a Vincenzo Caridi, Direttore generale vicario dell’INPS. Sono seguiti gli interventi del Presidente dell’INPS, Pasquale Tridico, del Direttore generale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Grazia Strano, del Direttore Generale di AGID Francesco Paorici, della Ministra del Lavoro e delle Politiche Sociali Nunzia Catalfo e della Ministra per l’Innovazione Tecnologica e la Digitalizzazione Paola Pisano. 

 

Il Direttore Generale di AGID, Francesco Paorici, ha riepilogato le prospettive presenti e future legate all’identità digitale: “Il passaggio a SPID è una sfida fondamentale per la digitalizzazione del Paese. Inps e il Ministero del Lavoro sono state amministrazioni proattive per attuare questo passaggio e rappresentano un esempio a cui anche le altre amministrazioni hanno la responsabilità di tendere”.  

 

Approfondimenti

Intervento della Ministra Paola Pisano

Le informazioni di Inps: Dal 1°ottobre il PIN INPS lascia il passo a SPID

Le informazioni su SPID