Cloud della PA: il percorso di qualificazione e il supporto AGID dopo il 1 aprile

Data:

Nuovi strumenti e incontri per facilitare il percorso di qualificazione. Online le domande frequenti, frutto del confronto degli incontri di febbraio e del supporto continuo di AGID verso PA e fornitori di servizi. Dopo Milano, a maggio nuovo incontro a Napoli.

Continua il supporto AGID per agevolare amministrazioni e fornitori di servizi nel percorso di adozione del modello Cloud della PA anche dopo la data del 1° aprile, con nuovi strumenti e iniziative di facilitazione. Dopo la tappa di Milano, proseguono le attività di confronto e dialogo intraprese da AGID per consentire ai fornitori di procedere alla qualificazione dei servizi cloud e alle amministrazioni di approfondire i contenuti del Catalogo dei servizi cloud qualificati per la PA da consultare prima di procedere all'acquisizione degli stessi. Attualmente il Catalogo presenta 33 fornitori e 117 servizi (IaaS, PaaS e SaaS) qualificati, numeri in costante aumento anche grazie al quotidiano supporto fornito da AGID (Aprile 2019).

 

Ai materiali già disponibili online si aggiungono le domande frequenti integrate con i contributi raccolti durante gli incontri del 13 e del 27 febbraio, le guide alla compilazione per la qualificazione Cloud Service Provider (CSP), dei Software as a Service (SaaS) e le presentazioni dei diversi incontri.

 

Il percorso di qualificazione

Dal 1° aprile i nuovi contratti di acquisizione di servizi cloud di amministrazioni centrali e locali potranno essere stipulati solo se i servizi da acquistare sono stati qualificati e risultano presenti nel Catalogo dei servizi cloud qualificati per la PA di AgID, secondo i requisiti e le indicazioni contenuti nelle circolari n. 2 e n.3 del 9 aprile 2018.

 

L’adozione del Modello Cloud della PA

Il modello Cloud della PA prevede servizi e infrastrutture qualificate di tipo public, private e community e l’introduzione del principio cloud first, in base al quale le amministrazioni sono tenute a valutare l’adozione di servizi digitali disponibili in cloud prima di qualsiasi altra soluzione tradizionale . Un tassello all’interno di un disegno più ampio declinato nel nuovo Piano Triennale per l’informatica nella PA 2019 -2021.

Il modello rappresenta, inoltre, una delle priorità delle agende digitali delle Regioni, che, anche attraverso specifici accordi siglati con AGID, hanno previsto la progressiva adozione di questo modello.

 

Approfondimenti

Consulta le Domande Frequenti

Leggi le guide per la richiesta di qualificazione dei servizi cloud (CSP e SaaS), reperibili alla pagina "Cloud della PA"

Per richieste di supporto sul processo di qualificazione scrivi a qualificazione-cloud@agid.gov.it