Difensore civico per il digitale

Il difensore civico per il digitale ha il compito di raccogliere tutte le segnalazioni relative alle presunte violazioni del Codice dell’Amministrazione Digitale, o di ogni altra norma in materia di digitalizzazione ed innovazione, a garanzia dei diritti digitali dei cittadini e delle imprese.

Il Difensore civico per il digitale ha il compito di raccogliere le segnalazioni relative alle presunte violazioni del Codice dell’Amministrazione Digitale o di ogni altra norma in materia di digitalizzazione ed innovazione, a garanzia dei diritti di cittadinanza digitali dei cittadini e delle imprese.

Questa figura, prevista in precedenza presso ogni amministrazione, assume oggi la funzione di difensore unico a livello nazionale.

L’Ufficio del difensore civico per il digitale è istituito presso AgID con l’articolo 17, comma 1-quater del Codice dell’Amministrazione Digitale, a seguito delle modifiche apportate dal Decreto Legislativo n. 217 del 13 dicembre 2017.

I diritti di cittadinanza digitali si concretizzano principalmente nella possibilità per il cittadino e le imprese di utilizzare l’identità digitale, il domicilio digitale, i pagamenti con le modalità informatiche e la comunicazione mediante le tecnologie dell’informazione.

Le segnalazioni possono essere presentate da chiunque, esclusivamente tramite l’apposita area dedicata del sito AgID. Al fine di consentire il corretto e tempestivo svolgimento delle funzioni del difensore la segnalazione deve essere coerente con le funzioni attribuite al difensore, deve essere circostanziata e comunque indicare gli elementi informativi necessari per il suo esame. Il cittadino predispone una distinta segnalazione per ciascuna amministrazione che ritenga coinvolta in presunte violazioni.

Il difensore esamina le segnalazioni e, qualora le ritenga fondate, invita il soggetto responsabile a porvi rimedio tempestivamente e pubblica la relativa decisione online.

Invia una segnalazione al difensore civico per il digitale

Difensore civico digitale

Al fine di chiarire quali sono le funzioni attribuite al difensore civico per il digitale, si precisa che lo stesso esamina ed eventualmente dispone un approfondimento istruttorio delle segnalazioni pervenute tramite l’apposita area del sito dell’Agenzia da parte dei cittadini e delle imprese in merito a presunte violazioni al Codice dell’amministrazione digitale e/o di ogni altra norma in materia di digitalizzazione e innovazione della pubblica amministrazione. Qualora la segnalazione risulti fondata, chiede alla pubblica amministrazione interessata di risolvere tempestivamente la problematica oggetto di segnalazione e pubblica la decisione online.

Al riguardo si ritiene anche necessario precisare quali sono, invece, i principali aspetti non rientranti nelle funzioni del difensore civico. In particolare il difensore non svolge funzioni di risoluzione o mediazione di eventuali controversie tra il cittadino e la pubblica amministrazione; non può sostituirsi alla pubblica amministrazione nell’espletamento dell’attività richiesta dal cittadino; non svolge attività di supporto riguardo il malfunzionamento di soluzioni applicative utilizzate dalle pubbliche amministrazioni per l’erogazione di servizi on line (non è un servizio di help desk); non sostituisce l’Ufficio per i rapporti con il pubblico presente in ciascuna amministrazione.

In definitiva, tramite il difensore civico per il digitale, l’AgID svolge una funzione di supporto ai cittadini e alle imprese per rendere effettivo l’esercizio dei diritti di cittadinanza digitale. Peraltro tale attività consentirà all’Agenzia di approfondire la conoscenza di eventuali criticità operative rilevate presso le pubbliche amministrazioni oggetto di segnalazione nell’attuazione concreta dei diritti di cittadinanza digitale . Tale conoscenza risulterà utile per individuare eventuali azioni da intraprendere o possibili provvedimenti correttivi da adottare.

Documentazione

Documentazione