Onere sproporzionato

Ultimo aggiornamento
10-09-2020

Per "Onere Sproporzionato" si intende una deroga alle prescrizioni fissate dalla legge in materia di accessibilità, per cui i soggetti erogatori (PA, Ente pubblico economico, ecc.) possono ragionevolmente limitare l’accessibilità di un sito web o applicazione mobile di cui sono titolari.

L’Onere Sproporzionato deve fondarsi esclusivamente su motivazioni legittime, deve valere un'applicazione rigorosa e devono essere adeguatamente giustificate, dopo aver verificato che la dimensione organizzativa del soggetto erogatore è qualitativamente e quantitativamente non idonea a garantire la piena accessibilità del servizio o dell’informazione.

Casi di deroga

L'art. 3-ter, comma 2, Legge 4/2004, individua quattro casistiche per le quali è possibile avvalersi della deroga:

  • onere organizzativo eccessivo
  • onere finanziario eccessivo
  • rischio di pregiudicare la capacità di adempiere allo scopo prefissato
  • rischio di pregiudicare la capacità di pubblicare le informazioni necessarie o pertinenti per i propri compiti e servizi

Ulteriori casi di deroga

Le “Linee Guida sull’Accessibilità degli strumenti informatici” definiscono ulteriori casi per i quali è possibile ricorrere ad un Onere sproporzionato, oltre a quelli previsti dalla Legge 4/2004. Di seguito alcuni esempi:

  • contenuti di terzi che non sono né finanziati né sviluppati dall'ente pubblico interessato né sottoposti al suo controllo
  • contenuti di extranet o intranet, pubblicati prima del 23 settembre 2019 fino a una loro revisione sostanziale
  • contenuti di siti web e applicazioni mobili considerati archivi, non necessari ai processi amministrativi attivi né aggiornati o rielaborati dopo il 23 settembre 2019

Motivi “non” legittimi di Onere sproporzionato

  • i tempi occorrenti per sviluppare i siti web ed applicazioni mobili
  • la necessità di acquisire le informazioni occorrenti per garantire il rispetto degli obblighi previsti dalla L. 4/2004 e dalle Linee guida AGID
  • la mancanza di carattere prioritario degli interventi volti a garantire la piena accessibilità

Soluzioni di accessibilità alternative

Nel caso in cui sussista un Onere sproporzionato, il soggetto erogatore dovrà, tuttavia, pur sempre garantire la massima accessibilità possibile al sito web o all’applicazione mobile e rendere disponibili contenuti alternativi pienamente accessibili e che dovranno essere indicati nell'ambito della “Dichiarazione di accessibilità”, con le relative motivazioni che ne giustificano l'inaccessibilità.