Accessibilità: AgID partecipa al Comitato per l’esecuzione della Direttiva Ue

Venerdì, 9 Febbraio, 2018

Il 15 febbraio a Bruxelles la prima riunione per cominciare a lavorare sugli atti esecutivi della direttiva Ue 2016/2102 che ha l’obiettivo di rendere più utilizzabili e accessibili i siti web e le App delle Pubbliche Amministrazioni.

L’AgID partecipa in rappresentanza dell’Italia alla prima riunione del Comitato europeo per l’esecuzione della direttiva Ue 2016/2102 sull'accessibilità dei siti web e delle applicazioni mobile degli enti pubblici.

 L’incontro si svolgerà il prossimo 15 febbraio a Bruxelles, sarà presieduto da un funzionario della Commissione Ue e vedrà la partecipazione dei rappresentanti degli Stati membri.

Obiettivo del comitato è quello di fornire un parere sugli atti esecutivi della direttiva, che la Commissione deve adottare entro il 23 dicembre 2018, intervenendo su importanti aspetti quali la metodologia di monitoraggio e il modello di dichiarazione di accessibilità, creando le condizioni per un’applicazione uniforme della normativa.

In questo modo l’Agenzia assisterà la Commissione europea nell’esercizio delle competenze di esecuzione legislativa, così come previsto dalle procedure di Comitatologia.

AgID è coinvolta nel processo normativo di attuazione della direttiva non solo sul fronte europeo, ma anche a livello nazionale.

Proprio di recente è stato istituito un gruppo di lavoro interno con il compito di supportare il Dipartimento della Funzione Pubblica della Presidenza del Consiglio dei Ministri nei lavori di recepimento della direttiva Ue che dovrà essere completato entro il 23 settembre 2018.

 La direttiva Ue prevede che le PA degli stati membri adottino le misure necessarie per rendere più accessibili i loro siti web e le loro applicazioni mobili affinché siano solidi, percepibili, utilizzabili e comprensibili dai cittadini.

 L’Italia ha già emanato la legge di delegazione europea 2016-2017, entrata in vigore lo scorso novembre, che ha stabilito all’articolo 14 principi e criteri direttivi specifici per l’esercizio della delega al Governo per l’attuazione della direttiva sull'accessibilità dei siti web e delle applicazioni mobile degli enti pubblici. In particolare l’articolo prevede che vengano emanate apposite linee guida nazionali volte a individuare i casi in cui un ente pubblico può ragionevolmente limitare l’accessibilità di uno specifico contenuto e stabilisce che le amministrazioni si uniformino alle previsioni di legge utilizzando le proprie risorse economiche e organizzative senza ulteriori oneri per la finanza pubblica.

 

Approfondimenti

Direttiva Ue 2016/2102 sull'accessibilità dei siti web e delle applicazioni mobili degli enti pubblici

Legge di Delegazione europea 2016-17

Tag: commissione europea, amministrazione trasparente

Pagina interna sull'argomento: 

Ultimo aggiornamento 09 Febbraio 2018


Informazioni generali sul sito

Torna alla navigazione interna