Adottare il timbro digitale per l'emissione di documenti con validità legale

Intenzione dell'Ente è adottare il timbro digitale per l'emissione di documenti che mantengano validità legale. Utilizzando un processo di codifica/decodifica open source dei dati documentali (e della firma digitale), quale PDF417, viene mantenuta la validità legale del documento? In particolare, la versione cartacea di un documento informatico rilasciato da una amministrazione con codifica PDF417 e riprodotto da un utente (cittadino, impresa o professionista) attraverso il suo timbro digitale, presentata ad una amministrazione diversa da quelle produttrice mantiene la sua validità?

Le tecniche afferenti il codice a barre bidimensionale, note come "timbro digitale" di fatto consentono di veicolare il documento informatico su un supporto cartaceo anziché su di un supporto informatico quale un CD-Rom. Già altre amministrazioni utilizzano questa tecnologia, fra queste una amministrazione comunale nel rilascio di certificati anagrafici. Al cittadino è fornito un documento pdf, piuttosto che la stampa dello stesso, che contiene il certificato richiesto dal cittadino + il codice a barre bidimensionale. Il certificato contiene solo la firma a stampa del Sindaco.
Utilizzando l'apposito software gratuito, disponibile sul sito del Comune stesso, è possibile dal timbro riacquisire il documento informatico sottoscritto con firma digitale dal Sindaco e salvarne copia informatica (p7m).

Argomento: 
Gestione documentale

Informazioni generali sul sito

Torna alla navigazione interna