Difensore civico per il digitale

Il difensore civico per il digitale ha il compito di raccogliere tutte le segnalazioni relative alle presunte violazioni del Codice dell’Amministrazione Digitale, o di ogni altra norma in materia di digitalizzazione ed innovazione, a garanzia dei diritti digitali dei cittadini e delle imprese.

Questa figura, prevista in precedenza presso ogni amministrazione, assume oggi la funzione di difensore unico a livello nazionale per dirimere i dissidi fra cittadini e amministrazioni pubbliche in materia di digitale, e rendere così effettivi i diritti di cittadinanza digitale.

L’Ufficio del difensore civico per il digitale è stato istituito presso AgID con l’articolo 17, comma 1-quater del Codice dell’Amministrazione Digitale, modificato dal Decreto Legislativo n. 217 del 13 dicembre 2017.

I principali ambiti di tutela per il cittadino e le imprese riguardano l’uso delle tecnologie, l’identità digitale, il domicilio digitale, i pagamenti con le modalità informatiche e la comunicazione mediante le tecnologie dell’informazione.

Le segnalazioni sono presentate da chiunque accedendo esclusivamente all’apposita area dedicata. Al fine di consentire un corretto e tempestivo svolgimento delle funzioni del difensore civico per il digitale, la segnalazione presentata deve essere coerente con le funzioni attribuite al difensore, deve essere circostanziata e comunque indicare gli elementi informativi necessari per il suo esame. Il cittadino predispone una distinta segnalazione per ciascuna amministrazione che ritiene coinvolta in presunte violazioni .

Il difensore civico esaminerà le segnalazioni e, qualora le ritenesse fondate, inviterà il soggetto responsabile della violazione a porvi rimedio tempestivamente, pubblicando la decisione online.

Invia una segnalazione al difensore civico per il digitale


Informazioni generali sul sito

Torna alla navigazione interna